Estrazione dei denti del giudizio

cura denti del giudizio

Studio dentistico Chiamenti Lista
Negrar Verona

 

  • Quando e quali sono le condizioni in cui è indicata l’estrazione del dente del giudizio? 
  • Quali sono i rischi e le complicazioni?

 

Scopo dell’articolo:

Sono un medico chirurgo odontoiatra che si dedica ed ha dedicato tanti anni a questa pratica e oggi sente il desiderio di condividere la sua esperienza con chi deve prendere delle decisioni in questo ambito, sperando di riuscire ad esporre l’argomento dalla prospettiva dell’ esperienza accumulata nella carriera professionale e che possa essere utile a chi si deve sottoporre a questo intervento.

                                                                                                   Grazie per l’attenzione!

Organizzazione del documento:

  • PREMESSA
  • ESTRAZIONE DEI DENTI DEL GIUDIZIO, INDICAZIONI
  • ESTRAZIONE DEI DENTI DEL GIUDIZIO SINTOMI
  • ESTRAZIONE DEI TERZI MOLARI
  • ESTRAZIONE DEI DENTI DEL GIUDIZIO IN INCLUSIONE OSSEA RISCHI E COMPLICAZIONI DELL’INTERVENTO
  • PREMESSA

Al fine di essere comprensibile e di esporre l’argomento nel modo che possa essere chiaro e didattico a chi deve utilizzare questi concetti da “paziente” e non da addetto ai lavori, farò precedere la descrizione clinica da una breve premessa che analizza dal punto di vista dell’evoluzione i denti del giudizio nella nostra bocca.

L’uomo preistorico aveva uno sviluppo della cavità orale molto più rappresentata rispetto all’uomo moderno, doveva utilizzare la dentatura in modo molto più “forte” era all’inizio un carnivoro puro, che doveva avere la dentatura più estesa ed affilata possibile in cui i denti del giudizio erano normalmente presenti in bocca e non si potevano sottrarre ad un grande lavoro di triturazione da carnivoro.

Con il passare dei millenni l’evoluzione delle arcate dentarie è andata nella direzione di una diminuzione dell’ampiezza delle basi ossee, mandibola e mascella.

Centro di odontoiatria Estrazione dei denti del giudizio

Lo spazio a disposizione degli elementi dentari è via via diminuito nei millenni, sono comparsi gli affollamenti dentari e la mancanza di spazio per i terzi molari!

Nell’uomo moderno spesso non c’è lo spazio per permettere ai denti del giudizio chiamati anche “ottavi o terzi molari” di erompere in arcata, e da qui nascono delle necessità di intervenire anche con le estrazioni.

Un’altra considerazione è che la situazione della cura personale ai denti ed alla bocca in genere, è oggi molto migliorata e raramente gli ottavi sono indispensabili a mantenere una buona capacità masticatoria.

I denti del giudizio non sono oggi indispensabili ad una corretta ed ottimale masticazione.

I denti del giudizio possono, se non erompono nella bocca in modo ottimale, dare dei disturbi fastidiosi ricorrenti, situazioni invalidanti, ed a volte mettere a rischio anche la vita della persona con ascessi a volte inarrestabili.

 

  • ESTRAZIONE DEI DENTI DEL GIUDIZIO INDICAZIONI

Centro di odontoiatria laser a Verona Estrazione dei denti del giudizio

Nella mia attività di chirurgo orale, ho estratto migliaia di denti del giudizio in tutte le condizioni cliniche e cercherò ora di dare le indicazioni all’estrazione dei denti del giudizio,  rendendo comprensibili le varie situazioni cliniche in cui ci si può trovare, in modo che chi si sta interessando all’argomento possa capire in quale condizione clinica si trova.

  1. Dente del giudizio in arcata e completamente erotto.
  2. Dente del giudizio in arcata ma parzialmente erotto (visibile).
  3. Dente del giudizio non in arcata e posizionato al di sotto della gengiva ed a volte inglobato in vario modo nell’osso.
  4. Dente del giudizio non ancora completamente formato, chiamato “germe”composto da corona dentaria e non dalle radici.

 

1.Quando estrarre il dente del giudizio erotto in arcata?

Il dente del giudizio può essere presente completamente in arcata ed avere le indicazioni alla estrazione quando:

  • E’ affetto da carie estesa.
  • Quando è mal posizionato e crea difficoltà all’igiene orale.
  • Quando crea lesioni “ulcere” nella guancia.
  • Quando ci sono indicazioni dettate dalla terapia e dall’apparecchio ortodontico.

Centro di odontoiatria laser a Verona Estrazione dei denti del giudizio

2.Quando estrarre il dente del giudizio parzialmente erotto in arcata?

Il dente del giudizio parzialmente erotto in arcata ha le indicazioni all’estrazione quando:

  • E’ affetto da carie.
  • Quando provoca delle infezioni ricorrenti chiamate “pericoronariti”, che possono sfociare in ascesso dentario.
  • Quando è inclinato contro il molare vicino, situato davanti ad esso e determina rischio di carie di questo ultimo.
  • Quando non ha possibilità di eruzione.
  • Per indicazioni da terapia e dall’apparecchio ortodontico.

Centro di odontoiatria Estrazione dei denti del giudizio

3.Quando estrarre il dente del giudizio non in arcata e posizionato al di sotto della gengiva ed a volte inglobato in vario modo nell’osso?

Centro di odontoiatria laser a Verona Terapia laser della parodontite

  • Quando c’è rischio di carie del dente vicino contiguo.
  • Per necessità di trattamento terapeutico e con apparecchio ortodontico.
  • Quando non avendo un tetto osseo c’è rischio di infezione ascessuale e di pericoronarite.
  • Quando è completamente inglobato nell’osso in posizione obliqua o orizzontale a contatto con il dente vicino con rischio di cariare le radici o la corona del dente confinante.

4.Quando estrarre il dente del giudizio prima dell’eruzione e non ancora completamente formato, chiamato “germe” e composto da corona dentaria e non dalle radici, o dalle radici non completamente formate? 

Centro di odontoiatria Estrazione dei denti del giudizio

  • Per indicazioni della terapia con apparecchio ortodontico.
  • Per valutazione di spazio non sufficiente a permettere una normale eruzione.
  • Nelle situazioni in cui il germe è appoggiato ed inclinato a ridosso del dente anteriore contiguo in modo da fare supporre essere ostacolato nella eruzione e con una vicinanza al canale del nervo mandibolare da supporre che la crescita in basso delle radici possa portare ad interferenza delle radici stesse con il nervo mandibolare, deputato a trasmettere la sensibilità tattile all’emilabbro della parte interessata ed emimento, situazione che renderebbe altamente a rischio di lesione del nervo un successivo intervento chirurgico di estrazione.

Centro di odontoiatria laser a Verona Terapia laser della parodontite

 

  • DENTI DEL GIUDIZIO E SINTOMI

I denti del giudizio hanno dei sintomi frequenti come il dolore e il gonfiore gengivale.

La complicazione più pericolosa da non sottovalutare è quella ascessuale.

Il dente del giudizio con ascesso può manifestarsi in modo fastidioso come nella  pericoronarite, dando sintomi localizzati come gonfiore e dolore, o in modo talvolta  gravissimo con diffusione dell’ascesso lungo le fasce del collo e molto pericoloso    anche per la vita stessa della persona.

Le indicazioni generali alla estrazione dei denti del giudizio sono dettate, come si è visto sopra, dalla terapia a cui il paziente si deve sottoporre come l’apparecchio ortodontico, restauri protesici programmati e ostacolati dalla loro presenza, oppure dai sintomi come il dolore in presenza di carie, al dolore in presenza di infiammazione gengivale , dolore da ascesso dovuto alla pericoronarite, o dalla previsione di possibili complicazioni future.

 

  • ESTRAZIONE DEI TERZI MOLARI

L’estrazione dei terzi molari è un atto chirurgico vero e proprio che in mani esperte offre significative garanzie.

L’atto chirurgico va eseguito in garanzia di sterilità dello strumentario e del campo operatorio.

Va diagnosticata l’indicazione all’intervento per prima cosa, e va valutata la tecnica chirurgica da adottare poi.

Alla tecnica chirurgica operatoria da adottare corrisponde una valutazione dei rischi per il paziente con la necessità di informazione dettagliata della persona e richiesta di consenso informato all’intervento con relativa firma.

Si deve essere certi che la persona che si deve sottoporre all’intervento abbia capito:

-La necessità dell’estrazione dei denti del giudizio

-I denti del giudizio possono essere la causa di dolore e infezioni.

– I denti del giudizio possono dare gravi complicazioni ascessuali ( Flemmone del collo e del mediastino con rischio di decesso)

-Le complicazioni possibili dell’intervento vanno spiegate accuratamente, ed evitate quando possibile con una accurata diagnosi clinica, anamnestica e radiologica.

 

  • ESTRAZIONE DEI DENTI DEL GIUDIZIO IN INCLUSIONE OSSEA RISCHI E COMPLICAZIONI DELL’INTERVENTO

Particolare attenzione deve essere seguita dal medico nella valutazione delle medicine che  assume il paziente, come anticoagulanti e aspirina.

Da valutare le patologie cardiache che vanno protette con profilassi antibiotica.

Come tutti gli interventi chirurgici anche le estrazione dei denti del giudizio possono essere soggette a complicazioni operatorie e post operatorie, che vanno distinte in

 

Complicazioni chirurgiche  post operatorie immediate

– sanguinamento,

– gonfiore,

– dolore,

-lesione del nervo mandibolare con perdita della sensibilità all’emilabbro e mento,

– lesione del nervo linguale, con perdita della sensibilità dell’emilingua,

 

Complicazioni chirurgiche tardive

Insorgono all’incirca dopo 20/30 giorni

-alveolite post estrattiva ( gonfiore ascessuale nella zona della estrazione, con dolore e gonfiore, possibilità di temperatura  febbrile ). In questo caso necessita di terapia antibiotica particolare fatta con amoxicillina e metronidazolo per 5 giorni.

 

Studio Dentistico Chiamenti Walter Lista Flavia Negrar Verona associato ANDI

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *