Dente rotto o scheggiato: ecco come si ripara

dente rotto

Dente rotto o scheggiato – Studio dentistico Chiamenti Lista

 

Quando un dente si rompe dà molto disagio e apprensione, per questo si deve intervenire immediatamente.
Per prima cosa è importante capire se il dente è a rischio dolore e poi chiaramente si fanno le considerazioni sull’estetica, sul dente scheggiato o rotto e su come recuperarlo.
E’ sempre opportuno mettere, al più presto, una pasta per il dente rotto, che sia provvisoria e che protegga il dente rotto o scheggiato dagli sbalzi termici, dai ristagni di cibo e dai traumi della masticazione, è indicato per evitare che il dente vada in sofferenza o si rompa ulteriormente.
 

Parliamo di…
  1. Differenza c’è tra dente rotto e scheggiato?
  2. Dente rotto e sintomi.
  3. Quando il dente è rotto alla radice.
  4. Dente rotto cosa fare.
    1. Ricostruzione con otturazione.
    2. Ricopritura del dente con una capsula.
    3. Intarsio.
    4. Faccetta.

1. Che differenza c’è tra  rotto e scheggiato?

 

Il dente scheggiato per definizione ha un danno lieve senza sintomi e riparabile con una semplice otturazione, un dente rotto deve essere valutato per quanto è rotto e per i sintomi.

2. Dente rotto e sintomi.

 

Queste sono le possibili situazioni in cui ci si può trovare ed ognuna può dare sintomi diversi
Il dente ha una rottura con dolore e sensibilità al caldo e freddo sicuramente non è devitalizzato, richiede quindi un intervento urgente.
Oppure possiamo avere un dente rotto senza dolore ne fastidi e può essere o perché la rottura è piccola ovvero il dente è scheggiato, e il dente non dà disturbi, o perché il dente è devitalizzato e quindi non è sensibile.
 

3. Quando il dente è rotto alla radice.

 

La situazione più seria è rappresentata dalla rottura alla radice del dente che non rende possibile il salvataggio ed è indicata l’estrazione. E’ una situazione che richiede la valutazione accurata della radice residua.
Vedi il Link sottostante.
 

4. Dente rotto cosa fare.

 

Per riassumere, se il dente rotto è solamente scheggiato e non da dolore solitamente è una cosa risolvibile semplicemente senza devitalizzare il dente, ma vediamo adesso insieme cosa è meglio e soprattutto cosa si può fare nel caso di rottura consistente.

  1. Ricostruzione con otturazione.
  2. Ricopritura del dente con una capsula.
  3. Intarsio.
  4. Faccetta.

Ognuna di queste possibilità ha delle indicazioni precise dettate dal bisogno di estetica, di resistenza, di praticità.

4.1 Ricostruzione della scheggiatura con otturazione.

 

Le ricostruzioni con otturazione in composito sono ottime, hanno una buona estetica, la loro scelta è molto conservativa, si può fare sempre ma quando la frattura è piccola ha un risultato estetico garantito e una durata lunga.
Il dente si ritocca appena e poi si ricostruisce sfruttando l’adesione del materiale estetico.

4.2 Ricoprire il dente con una capsula.

 

Scegliamo questa possibilità in primo luogo quando l’entità della frattura dentale ce lo richiede, cerchiamo una maggiore resistenza del restauro, ed anche una estetica perfetta con una lunga prospettiva di durata nel tempo.
I materiali utilizzabili per la migliore estetica sono specialmente sui denti anteriori Zirconio, disilicato di litio e sono senza dubbio i migliori.
Le corone o capsule in zirconio e in disilicato di litio non lasciano mai intravedere il fastidioso bordino nero tra dente e gengiva che si può avere con le corone in metallo ceramica, molto diffuse fino a qualche anno fa, sono inoltre uniformi trasparenti e luminose.
 

 

Queste corone sono la scelta migliore. Hanno un mimetismo con la gengiva molto naturale e non sono assolutamente distinguibili dal dente vicino.
Sono inoltre in grado di correggere la forma e dimensione del dente rotto nel caso ci sia bisogno.
 

 

4.3 Ricostruzione  con intarsio.

 

E’ prima di tutto, una buona scelta molto conservativa, indicata per restauri su denti premolari e molari.

4.4 Ricostruire  con faccetta in ceramica.

 

E’ sicuramente una scelta di alto valore, con indicazioni precise, riservata ai denti davanti, in grado di dare una estetica ottimale.
Le faccette in ceramica sono piccoli fogli di porcellana, che vengono realizzati su misura, e vengono incollati sui denti per modificarne la forma, le dimensioni, il colore o la posizione.
Dopo uno studio accurato della forma e dell’estetica, si preparano i denti e si prendono le impronte. Il tecnico di laboratorio valorizza le faccette, con uno spessore compreso tra 0,2 e 0,7 mm.

 

 

Studio Dentistico Chiamenti Walter Lista Flavia Negrar Verona associato ANDI
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *