Ascesso dente dalle cause alla guarigione

ascesso dentale gonfiore guancia

 Ascesso dente la cura – Studio Dentistico Chiamenti Lista

 

E’ una evenienza da affrontare tempestivamente perché si risolva senza complicazioni.

  • La prima cosa da fare è capire se si ha un ascesso!
  • Secondo, iniziare immediatamente la cura per sgonfiare la guancia!
  • Terzo, capire la causa dell’ascesso!
  • Per finire, non bisogna sottovalutarlo le complicazioni di un ascesso possono essere molto gravi!

Di seguito parlo dell’ascesso al dente in modo semplice e completo, riportando le domande più frequenti che la gente si pone, e che racchiudono le informazioni necessarie a guarirlo.

Si deve sapere che l’ascesso colpisce spesso un dente già devitalizzato, il dente del giudizio, un dente con carie profonda

 

Parliamo di…

 

  1. Come faccio a capire che ho un ascesso al dente?
  2. Antibiotico dentale serve per alleviare il dolore?
  3. Quanto dura il dolore?
  4. Come faccio a sgonfiare la guancia e cosa non devo fare?
  5. Quale è la cura migliore per l’ascesso dente?
  6. Ascesso a dente del giudizio e ascesso a dente devitalizzato, perché?
  7. Una volta guarito, l’ascesso può ripresentarsi?
  8. Cosa fare se l’ascesso non guarisce?
  9. L’ascesso è contagioso?
  10. Conclusioni

 

1. Come faccio a capire che ho un ascesso al dente?

 

Si capisce prima di tutto, quando, la guancia si gonfia ed il gonfiore è accompagnato ma spesso è anche preceduto dal male al dente. Il dolore è molto forte ed è inconfondibile perché pulsa. Quando sono presenti questi tre segni principali, gonfiore-dolore- mal di dente pulsante, siamo davanti purtroppo ad un ascesso dentale.

 

2. Antibiotico dentale serve per alleviare il dolore?

 

Per alleviare il dolore si deve guarire l’ascesso dentale! La prima cosa da affrontare è il dolore fortissimo. Meglio assumere degli antidolorifici che sono le uniche medicine contro il dolore.

In secondo luogo è fondamentale assumere l’ antibiotico anche se con cautela. L’antibiotico può generare delle allergie, quindi attenzione alle proprie intolleranze.

Generalmente si usa augmentin, un antibiotico dentale a base di penicillina. La posologia è di 1  compressa da 1 grammo ogni 12 ore per 5 giorni in caso di allergia alla penicillina, meglio usare 1 compressa di Claritromicina 500 mg ogni 12 ore per 5 giorni. Meglio se possibile, una telefonata al dentista o al medico curante.

Importantissimo associare gli impacchi nella zona del gonfiore. Si fanno con un canovaccio bagnato di acqua calda, permetterà una più veloce guarigione.

 

3. Quanto dura il dolore?

 

Di solito se si inizia la cura, dura 2/3 giorni, poi il dolore diminuisce e la guanci si sgonfia. Il dolore all’inizio è forte e cresce fino a quando il gonfiore aumenta! Una volta che il gonfiore della guancia si è stabilizzato o inizia a diminuire il dolore finisce.

 

4. Come faccio a sgonfiare la guancia e cosa non devo fare?

 

La guancia si sgonfia, come detto sopra quando si fa la cura completa, ovvero, antidolorifici, antibiotici, impacchi caldo umidi. Consiglio vivamente, di non affidarsi a cure occasionali c’è il pericolo di complicazioni che possono portare alla morte.

Difatti, questa situazione non si deve trascurare perché può complicarsi in qualcosa di molto grave, con pericolo della vita stessa. L’infezione può scendere dalla faccia ed entrare nelle vie respiratorie e diventare gravissima e incurabile.

 

5. Quale è la cura migliore per l’ascesso dente?

 

La cura migliore è quella medica già descritta, ma è altrettanto fondamentale la cura del dente, che ne è la causa.
Il dentista trova la causa dell’infezione e la cura. La cura del dente è fondamentale perché l’ascesso una volta regredito con la cura medica, non ritorni più.

La cura del dentista consiste nell’eliminare l’infezione che causa l’ascesso:

  • Deve guarire la carie profonda del dente e devitalizzare il dente
  • Se la causa è l’infezione alla radice del dente, deve rifare la devitalizzazione
  • Quando l’ascesso è localizzato nella zona del dente del giudizio e la gengiva che lo ricopre è infetta, deve estrarre il dente del giudizio
  • Se l’infezione parte da un dente che si muove a causa della parodontite, si estrae questo dente

 

6. Ascesso al dente del giudizio e ascesso al dente devitalizzato, perché?

 

Per approfondire diciamo che l’ascesso origina da una infezione al dente provocata da una carie dentale profonda o da una devitalizzazione infetta o anche dal dente del giudizio non erotto completamente. Anche la parodontite può generare un ascesso, quando è avanzata e si riconosce perché il dente si muove, oscilla.

Ascesso al dente del giudizio:

si manifesta quando il dente del giudizio non è erotto in bocca completamente. I batteri entrano al suo interno e causano l’infezione. Si cura come l’ascesso descritto sopra.

Ascesso al dente già devitalizzato:

talvolta il dente devitalizzato è causa di ascesso dentale. Questo succede quando nella radice rimangono dei batteri vivi. Questi batteri sono causa di  una infezione cronica che può dare complicazioni come l’ascesso al dente, anche molti anni dopo la devitalizzazione.

 

7. Una volta guarito, l’ascesso può ripresentarsi?

 

Si può ripresentare se la causa che lo sostiene non è stata rimossa. Questo vuole dire che il dentista deve diagnosticare la causa che scatena l’ascesso, ovvero deve capire quale dente è il responsabile e guarirlo.

 

8. Cosa fare se l’ascesso non guarisce?

 

E’ possibile che non si riesca a guarire l’infezione al dente che è causa all’ascesso, in questo caso si ricorre alla estrazione del dente oppure se è un dente devitalizzato con infezione alla radice si ricorre alla apicectomia radicolare. Il dente del giudizio si estrae.

 

 

9. L’ascesso è contagioso?

 

Non è contagioso. Perché si manifesti serve una infezione dentale causata da un batterio che non è trasmettibile né con la saliva né tantomeno con la vicinanza e con il respiro. Questo batterio si nasconde e vive all’interno delle radici del dente fino a quando decide di uscire ed è allora che causa l’ascesso dentale.

 

10. Conclusioni

 

Per concludere abbiamo detto che l’ascesso dentale si deve curare il più presto possibile per evitare le possibili complicazioni.

Attenzione ricordiamo che la cura consiste in:

  • Guarire il gonfiore con cura medica (antibiotici-antinfiammatori-impacchi caldo umidi)
  • Curare il dente che lo genera (devitalizzazione-cura carie-apicectomia-estrazione dente del giudizio)

Non è contagioso, non è sostenuto da un virus bensì da un batterio, ma soprattutto si previene con la visita di controllo periodica dal dentista.

 

Studio Dentistico Chiamenti Walter Lista Flavia Negrar Verona associato ANDI
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *