Antibiotico per denti quale usare e come usarlo perché funzioni

Antibiotico per denti

Antibiotico per denti – Studio dentistico Chiamenti Lista

 

Quale scegliere e come si usa perché funzioni?

 

In questo articolo spiego quale antibiotico per denti scegliere per una cura risolutiva, e come usarlo facendo attenzione ai rischi ed alle complicazioni.

Troverete infine, un Vademecum per l’ utilizzo corretto di questi meravigliosi farmaci, spesso in grado di toglierci dai guai.

 

Parliamo di…
  1. In quali situazioni devo prendere l’antibiotico?
  2. Perché prendere l’antibiotico per denti e gengive.
  3. Quale antibiotico per i denti.
  4. l’antibiotico per denti quanti giorni si prende.
  5. Quali sono i rischi se prendo l’antibiotico?
  6. Quali sono i rischi se non prendo l’antibiotico?
  7. Vademecum sull’uso dell’antibiotico per denti.

1. Quando devo prendere l’antibiotico?

 
Prima di tutto dobbiamo sapere che l’antibiotico non agisce sui virus e non agisce direttamente sul dolore.

L’antibiotico fa passare dolore e gonfiore quando riesce ad uccidere i batteri che causano l’infezione e a guarire l’infezione stessa.

Ci sono diverse condizioni in cui è indicata la cura con antibiotici ma per prima cosa ricordiamo che va fatta solamente se ci troviamo davanti ad un’infezione di origine batterica. Da qui nasce il bisogno di distinguere in quali circostanze assumere questo farmaco.

Queste sono le infezioni batteriche della bocca guaribili con la terapia antibiotica

  1. Ascesso dentale
    • Che origina da un’infezione alla radice di dente già devitalizzato
    • Successivamente ad una devitalizzazione
    • Da carie dentale profonda con necrosi della polpa dentale
    • Una radice dentale residua e infetta
  2. Ascesso causato dalla infezione delle gengive malate di parodontite
  3. Complicazione o prevenzione di estrazione di dente normale o del giudizio
  4. Infezione ad un impianto affetto da perimplantite
  5. Sinusite
  6. Tonsillite

2. Perché prendere l’antibiotico per denti e gengive

 
Quando ci troviamo davanti ad una infezione dei denti o delle gengive, come detto sopra, è giusto fare la terapia antibiotica.

Ricordiamo perché è giusto fare la cura antibiotica!

  • Per guarire l’infezione, per fare passare il dolore e soprattutto per prevenire le complicazioni che talvolta possono essere molto gravi.

3. Quale antibiotico per denti è corretto usare?

 
Gli antibiotici per denti non son tutti uguali, si distinguono per la via di somministrazione che può essere per bocca o per iniezione, ed oltre a questo si differenziano per i batteri su cui agiscono.

Prima di Iniziare la cura con antibiotici, per prima cosa si devono conoscere le allergie individuali a questi farmaci, perché come tutti i farmaci possono dare intolleranze ed allergie.

Successivamente si deve scegliere il farmaco.

Gli antibiotici per denti di prima scelta e consigliati sono le penicilline tipo:

  • Augmentin 1 grammo – alla dose di 1 compressa da 1 grammo ogni 12 ore oppure/ ogni 8 nei casi più gravi

Oppure

  • Zimox 1 grammo- 1 compressa da 1 grammo ogni 12 ore oppure /ogni 8 ore nei casi più gravi

Nei casi di persone allergiche alle penicilline (Augmentin-Zimox), meglio usare:

  • Klacid 250  – alla dose di 1 compressa da 250 mg ogni 8 ore oppure/ 1 compressa da 500 mg ogni 12 ore nei casi più gravi

Oppure

  • Azitromicina 500 mg – alla dose di 1 compressa al giorno per 3 giorni consecutivi

Nelle infezioni gengivali

  • Doxiciclina 100 mg al giorno
  • Flagyl 250 – 1 compressa da 250 mg ogni 8 ore
  • Zimox come sopra

4. L’antibiotico per denti quanti giorni si prende?

 

Bisogna sapere:

  • La cura antibiotica deve essere fatta innanzitutto rispettando gli orari di assunzione del farmaco.
  • Deve durare dai 5 giorni ai 7 giorni a seconda di come si completa la guarigione.
  • Nel caso in cui dopo 3 giorni di terapia non ci siano risultati, si deve cambiare tipo di farmaco!

5. Quali sono i rischi se prendo l’antibiotico?

 
I rischi di una cura antibiotica sono:

  • Per prima cosa gli effetti della reazione allergica che possono essere gravi.
  • Successivamente possono dare una intolleranza intestinale con diarrea e gonfiore addominale.
  • Per ultimo una sovrainfezione ai genitali da candida.
  • La selezione di batteri resistenti all’antibiotico.

L’allergia può manifestarsi con un prurito al corpo, con delle macchioline rosse sulla pelle.

Nei casi gravi può dare può dare gonfiore alla gola al labbro con difficoltà respiratoria e per finire  effetti sistemici che possono sfociare in collasso e morte dell’individuo.

Si deve fare molta attenzione alle allergie individuali agli antibiotici!

6. Quali sono i rischi se non prendo l’antibiotico?

 
Scegliere di curarsi con prodotti alternativi e naturali è rischioso perché non c’è dimostrazione scientifica della loro efficacia.

Detto questo, un atteggiamento razionale e di prudenza, mi permette di suggerire che quando ci troviamo davanti ad una infezione batterica si deve curare con antibiotici.

Dobbiamo sapere che, se l’infezione non viene curata, i rischi di una disseminazione dei batteri in tutto l’organismo è possibile e quindi la cura antibiotica è indispensabile per scongiurare temibili complicazioni.
 

7. Vademecum sull’uso dell’antibiotico per denti

 

  1. Per concludere ricordiamo che l’antibiotico per denti va assunto per un tempo variabile dai 5-7 giorni, fino comunque alla guarigione avvenuta
  2. Se il tempo di guarigione completa si prolunga oltre questo periodo si devono cercare altre cause che ostacolano la guarigione
  3. Se la cura non ha nessun effetto dopo 3 giorni si deve cambiare tipo di farmaco perché quello in uso probabilmente non è efficace
  4. Prima di iniziare la cura si deve conoscere la presenza di eventuali allergie al farmaco scelto
  5. E’ importante che assieme all’antibiotico si prendano fermenti lattici per proteggere l’intestino e polivitaminico per sostenere l’organismo
  6. E’ più rischioso non fare la cura antibiotica che farla
  7. L’antibiotico non è un antidolorifico. Il dolore scompare quando grazie all’antibiotico l’infezione guarisce, e per questo servono alcuni giorni
  8. Non abusare di antibiotici per evitare che si selezionino batteri resistenti al farmaco
  9. Il medico ed il dentista devono essere sempre consultati per la diagnosi e la scelta del farmaco

 

 

Studio Dentistico Chiamenti Walter Lista Flavia Negrar Verona associato ANDI
Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *